Analisi di gestione



La cassa piange ed i prossimi quindici giorni non possono rimpinguarla di molto.
Molti rischiano di chiudere la stagione in rosso o magari salvandosi in corner con il classico riporto di incassi a dicembre ma relativi ai corsi di gennaio.
Cosa è accaduto durante l’anno?
In verità solo due cose:

  • Non si è stati in grado di fatturare abbastanza
  • I costi di gestione non sono stati definiti, ottimizzati e verificati ogni mese.

Se del primo caso parliamo spesso, del secondo lo facciamo molto meno.
E sarebbe invece il caso di approfondirlo per fare in modo che il gestore sappia come gestire al meglio le scelte di investimento (che spesso non sono tali) e la liquidità che ha durante l’arco dell’anno.

  • La naturale propensione a spendere soldi su cose che non spostano di una virgola i kpi aziendali,
  • usare la cassa positiva di alcuni mesi per togliersi sfizi non necessari,
  • non avere un budget o non verificarlo ogni mese
  • seguire le mode, le indicazioni degli istruttori, i rappresentanti di qualsiasi servizio, porta inevitabilmente a recriminare a fine stagione per la mancanza di liquidità.

Ricordati che i costi sono l’unica cosa sicura nella gestione della Tua Piscina e, di certo, non devi aumentarli per spese inutili che, mascherate da investimento, rappresentano in verità solo ulteriori costi.

  • Redigi il tuo budget annuale e suddividilo per mese
  • Definisci gli obiettivi annuali e suddividili per mese
  • Analizza ogni mese le differenze tra costi previsti e costi effettivi
  • Analizza ogni mese le differenze tra fatturato previsto e fatturato effettivo
  • Definisci strategie per aumentare la marginalità ogni mese e monitorane i kpi di riferimento

È questa la strada maestra da percorrere per iniziare a fare un vero controllo di gestione della Tua Piscina e non rischiare di renderti conto che sei alla canna del gas, quando non puoi far nulla per migliorare la situazione.

Commenti

Post popolari in questo blog